Inaugurazione sede L.A.Do.S. Cinquefrondi

    LUNEDI’ 19 NOVEMBRE  2018    GAZZETTA DEL SUD
    Adesso le associazioni hanno una loro “casa”

    Attilio Sergio
    CINQUEFRONDI

    Alla presenza dell’assessore regionale al Welfare, Angela Robbe, è stata inaugurata la “Casa delle associazioni” che, su proposta della giunta guidata dal sindaco Michele Conia, verrà intitolata, a conclusione dell’iter avviato, alla memoria di Vittorio Arrigoni, attivista sociale e pacifista calabrese rimasto ucciso nello svolgimento della sua attività. Sono stati lo stesso primo cittadino, il parroco don Serafino Avenoso, l’assessore all’associazionismo Roberta Manfrida, insieme ai rappresentati delle associazioni che avranno la propria sede nel nuovo spazio sociale, a tagliare il tradizionale nastro inaugurale. Dopo la preghiera-benedizione di Don Avenoso, la tanta gente accorsa alla cerimonia inaugurale ha potuto visitare la “Casa delle associazioni”, un luogo in cui verranno ospitate bene sei associazioni senza fine di lucro attive sul territorio: la pubblica assistenza Lados, la Fida ( Federazione italiana associazioni donatori di sangue), la storica polisportiva Linea-verde, l’associazione socio-culturale “Insieme si può”, il Motoclub “Paolo Rossi Cina” e l’associazione onlus “Fate Bene Fratelli”.

    La Rinnovata struttura è inoltre dotata di un’ampia sala, uno spazio a disposizione di tutte le associazioni.

    Il sindaco Michele Conia, nel parlare di momento forte ed emozionante, nonché di sogno che si realizza, ha sottolineato l’importanza della partecipazione attiva e dello stare insieme, ed ha aggiunto: <<In un contesto nel quale si tende a togliere spazi sociali noi come Amministrazione andiamo controcorrente e apriamo spazi per le associazioni e per la partecipazione. La casa delle associazioni testimonia l’attenzione che prestiamo per l’associazionismo e per i servizi ai cittadini. Un altro impegno raggiunto grazie anche al lavoro svolto con passione da parte di alcuni lavoratori in mobilità e alla disponibilità dei volontari delle associazioni>>.

    Per l’assessore Roberta Manfrida, <<non è comune a molti posti avere luoghi del genere, di partecipazione attiva e di volontariato nel senso stretto della parola. Sono contenta ed orgogliosa di poter donare alla cittadinanza un simile strumento. Spero che questo sia solo l’inizio di una collaborazione tra le associazioni>>. 

    Per l’assessore regionale Angela Robbe, infine, <<il sociale parte sempre dal basso, per cui è necessario lavorare insieme, e sempre per l’interesse collettivo. Questo è un esempio concreto di cittadinanza attiva>>.

    Condividi su