Il Soccorritore professionale

    Il Soccorritore Professionale deve essere in grado di occuparsi di lesioni e patologie e dei problemi emozionali che ne derivano.

    Deve prestare misure di sostegno atte al mantenimento in vita del paziente quando questo presenta:

    • insufficienza respiratoria;
    • arresto respiratorio;
    • arresto cardiaco o shock.

    Ruoli e responsabilità

    Sul luogo dell’urgenza, la prima preoccupazione è il paziente, mentre la principale responsabilità del Soccorritore Professionale, sarà quella della sicurezza personale.

    I compiti principali del Soccorritore professionale sono:

    • essere pronti a rispondere alla chiamata;
    • recarsi sul posto velocemente, ma in condizioni di sicurezza;
    • determinare, ( in base al livello di formazione), il problema del Paziente e prestare le cure del caso;
    • liberare, sollevare e spostare il Paziente quando è necessario, senza che questo provochi ulteriori danni sia al Paziente che al Soccorritore;
    • preparare e trasferire adeguatamente il Paziente verso l’ambulanza;
    • trasportarlo in salvo verso il  Pronto Soccorso di competenza , prestando le prime cure necessari.

    Caratteristiche fisiche ed aspetti della personalità

    Il Soccorritore Professionale deve:

    • essere in grado di sollevare un peso che può raggiungere i 50 Km.;
    • esercitarsi con altri soccorritori è essenziale, così da poter imparare a trasportare la parte del peso combinato di paziente, barella, lenzuola, coperte ed attrezzatura portatile per ossigeno- terapia (questi movimenti richiedono coordinazione e destrezza, nonché una certa forza);
    • essere in grado di eseguire elementari manovre  di soccorso, sollevare ed abbassare pazienti su una barella e passare attraverso uscite e scale di emergenza trasportando i Pazienti;
    • essere in grado di dare e ricevere istruzioni scritte e orali.

    Sono inoltre importanti alcune caratteristiche della "personalità" come:

    • GENTILEZZA – per ispirare fiducia e calmare il ferito o l’ammalato;
    • FRANCHEZZA – per essere in grado di far comprendere la situazione e i sentimenti del paziente;
    • COLLABORAZIONE – al fine di assicurare una assistenza migliore e tempestiva, è necessario stabilire un buon coordinamento con gli altri membri del sistema di servizi medici, di pronto soccorso, e guadagnarsi la fiducia dei pazienti e dei presenti;
    • VERSATILITA’ – capacità di adattare uno strumento o una tecnica per risolvere una situazione inusuale;
    • INIZIATIVA – eseguire le procedure necessarie senza dipendere da alcuno;
    • STABILITA’ EMOTIVA – per riuscire a superare gli aspetti spiacevoli di una situazione d’urgenza così di consentire l’attuazione delle cure necessarie per il superamento di sensazionidi sconforto o disaggio che possano derivare da essi
    • CAPACITA’ ORGANIZZATIVE – prendere le misure necessarie per tenere sotto controllo il luogo di intervento, organizzare i presenti, prestare assistenza e, quando necessario, prendersi totalmente carico di un caso urgente;
    • PRESENZA – un aspetto pulito e ordinato al fine di guadagnare la fiducia dei Pazienti e dei presenti e per ridurre la possibilità di contaminazione;
    • MORALITA’ E RISPETTO PER IL PROSSIMO – per consentire l’instaurarsi di un Rapporto di fiducia quando il paziente non può proteggere il proprio corpo o gli oggetti di valore, ed in modo che , tutte le informazioni trasmesse possano essere considerate vere ed attendibili;
    • SAPER LIMITARE ALCUNE ABITUDINI PERSONALI – per ridurre la possibilità di prestare cure scorrette e prevenire situazioni di disagio del Paziente;
    • CAPACITA’ ESPRESSIVE – capacità di comunicare in maniera appropriata, al fine di ispirare fiducia ed evitare argomenti poco delicati che possano sconvolgere o far arrabbiare il Paziente, o violare la privacy;
    • CAPACITA’ DI ASCOLTARE – capacità di effettuare domande pertinenti e precise e di ispirare fiducia.

    L’insieme di queste caratteristiche porteranno ad un COMPORTAMENTO CALMO E PROFESSIONALE che consentirà una migliore assistenza del Paziente.

    A prima vista, alcune persone non capiscono l’importanza di queste caratteristiche delle Personalità, credono che tutto quello che il Soccorritore Professionale deve sapere si riduca alle modalità delle corrette procedure di assistenza.

    L’esperienza ha dimostrato che tutte le caratteristiche elencate sono importanti per la complessa realtà del Pronto Soccorso.

    I sistemi di servizi di Pronto Soccorso Medico, pongono notevole attenzione sulla corretta presenza ed una buona igiene personale.

    Facciamo finta di essere un paziente ferito,  ma cosciente.  Se un Soccorritore Professionale arriva indossando una uniforme pulita ed un altro arriva con un camice sporco di grasso, e non sapete niente delle loro capacità, da chi cerchereste aiuto? Probabilmente scegliereste il Soccorritore che indossa un’uniforme.

    L’uniforme indica una Formazione Professionale, qualità e organizzazione. Che si tratti di una uniforme completa, una giacca o semplicemente un berretto con un distintivo, il riconoscimento fornito aiuta il Paziente a mettersi a suo agio.

    Uno degli errori più gravi del Soccorritore Professionale non esperto è un linguaggio non appropriato.  Dire la cosa sbagliata o utilizzare parole non adatte può sconvolgere il Paziente e peggiorare le sue condizioni.

    Ricordiamo che non è solo quello che si dice, ma anche come si dice. Un tono di voce alto porta solo confusione. Una voce severa può rendere gli altri riluttanti ad accettare l’aiuto.

    Le persone che non hanno  una Formazione Specifica spesso utilizzano frasi come: “Non preoccupatevi, va tutto bene” .

    Il Soccorritore Professionale non deve utilizzare espressioni di questo genere. Il Paziente sa perfettamente che non è vero che tutto va bene. Una affermazione non appropriata, anche se detta nel tentativo di mostrare interesse, non aiuterà a conquistare la fiducia o la collaborazione del Paziente.

    Compito del soccorritore professionale è quello di imparare ad adottare un modo di parlare calmo. Parlare al Paziente in modo calmo e sincero, potrà aiutarlo a rilassarsi. Informandolo che è in possesso di una Formazione Specifica di Pronto Soccorso, allevierà i suoi timori, guadagnando la sua fiducia.  

    Come si può notare, per essere un buon Soccorritore Professionale, bisogna essere in grado di fare molto di più che applicare le procedure adatti:  bisogna infatti assumere anche un atteggiamento Professionale, fornendo così al Paziente UNA ASSISTENZA COMPLETA.  

    Condividi su